ON GIULIA GRILLO MINISTRO ANCHE DELLA SANITA’ VETERINARIA

Le politiche veterinarie siano una priorità del Dicastero Grillo

ANMVI: il "cambiamento” è affrontarle con i Veterinari

 

(Cremona 5 giugno 2018) - Al Ministro della Salute Giulia Grillo, l’Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani (ANMVI) rivolge un augurio di buon lavoro sentito ma non rituale. L’auspicio è che la sanità veterinaria -  negletta nei programmi di elettorali e nel contratto Governo-  sia, da oggi, sulle prime pagine dell’agenda di lavoro della Titolare della Salute.

Le politiche veterinarie riguardano tutta la popolazione animale del Paese, zootecnica e da compagnia; investono la sanità pubblica,  la sicurezza alimentare e le relazioni socio-familiari di tutti gli italiani; non da ultimo, sono un capitolo pesante ma sottostimato del bilancio pubblico, della bilancia commerciale (export), della produzione di ricchezza economica interna (PIL), dei finanziamenti europei.

La legislazione veterinaria europea e nazionale sta attraversando una trasformazione profonda, che richiede la più alta attenzione dei decisori politici, anche per garantire la competitività del sistema veterinario su scala europea e mondiale.

ANMVI si aspetta dal Dicastero-Grillo un approccio scientifico e sanitario alle politiche di sanità veterinaria, fondato sulle competenze e su un dialogo preferenziale con le professionalità pubbliche e private della Veterinaria italiana. Sarebbe un autentico segnale di "cambiamento”.